FERRAGOSTO 2017

 

Ti porto al mare, mamma

 

il sole brucia

il mare è calmo

 

dove non c'è nessuno

 

piedi nell'acqua

e nella sabbia

 

non tuffarti subito

bagna prima la pancia

 

nell'acqua alta

corpo sott'acqua

 

ed è silenzio

 

Ti porto al mare, mamma

 

ma tu resta qui

non andare lontano

 

ché è ancora un ferragosto

 

 Simo

 

 

 

FERRAGOSTO 2004

 

Torrido ferragosto

senza mezze misure

sotto chioma di gelso

centenario… dondolo

l'amaca indios

mi sega le cosce occidentali

insisto e scrivo

alla mia amica Robi

per non disperdere perle

da snocciolare in tempo di pace

 

Ma l'uccellino è morto

Robi,

perché è fatica vivere

 

Non dirlo a me che mi trascino

pezzi di sacra sindone

cullando l'eterno dilemma:

lost in traslation o…

ultimo tango?

 

Simo

 

 

 

FERRAGOSTO 2003

 

In questo ferragosto

 

 

afoso, opaco, ovattato,

 

 

(ronzano)

 

 

 

 

mi faccio un bagno

 

 

infastidito mare

 

 

iroso, indisponente

 

 

(ronzano e pungono)

 

 

mi leggo le notizie

 

 

morte in Francia

 

 

fumo in Italia,

 

 

nero in America,

 

 

(ronzano pungono e scopano)

 

 

mi pregusto la festa

 

 

melanzane, chitarra, cacio,

 

 

pipidigni, porchetta, melone

 

 

(ronzano pungono e scopano... le zoccole).

 

 

 

 

Simo

 

 

 

FERRAGOSTO 2002

 

Oggi Maria la vergine

è assunta in cielo.

 

Assunta, la beata...

 

E i contributi versa,

avrà pensione minima

e figli che dissanguano

continuamente chiedono

soldi cuore e sospiri.

 

Ebano, labbra scolpite, riccioli,

ma quanti pesi mai

può trascinare un uomo?

 

E le conchiglie stanno

mentre giù i pesci guizzano,

le donne che si spogliano

gli adolescenti segano

e gli ombrelloni volano.

 

Il Davide Bowie dei poveri

ripassa imperscrutabile

e l'acqua gin nobilita

le pance logorroiche.

 

Forse anche a Praga nuotano

e in India si scompisciano...

 

Però le donne ballano.

 

Anche se i più le snobbano,

le donne, sempre, ballano...

io resto all'ombra cauta

ché le mie rughe aumentano.

 

Sì,

però, le donne ballano

e allora...

acqua alle vene Simo!

 

E mi rituffo in mare.

 

Simo