è con la mia amica Roberta che continuo a riscoprire la "mia" città, percorrendola in bicicletta, così nasce INGENUAMENTE BIBI il mio primo librino di poesie: prezioso, curatissimo nella forma e nel contenuto, con le foto di Roberta Fassi,

la mia amica, nelle due copertine, con i colori che abbiamo scelto insieme, con

la passione e la volontà di Debora e Antonella...

 

uscirà per la Casa Editrice DULCINEA di Debora Vernassa e Antonella... presentato nel dicembre 2005, insieme a SENZA METRO E SENZA RIMA di Alfreda Bini, inedita poetessa livornese, nata nel 1918 e morta nel 2001.

il mio percorso in bicicletta da casa all'Atelier delle Arti di via Carlo Bini,

a Livorno

ALLA  MI'  BIMBA

 

 

Bella mi' bimba triste e pensierosa

mentre s'appresta a abbandonà ir paese

dov'è cresciuta all'ombra d'una rosa,

pe' ritornà nell'aria livornese…

 

 

 

Un esse' triste, amore e sta' sicura

che guarirai dalla malinconia,

il mare, bella bimba, è 'na gran cosa

e l'onda, la tristezza, spazza via!

 

Ti porterò sul molo a salutare

le barche, i pescherecci e gabbianelle

che nel tramonto rosso vanno a mare

pe' prende il core e l'anima alle stelle!

 

" O pescatore, dammi un po' un pescino

pe' la mi' bimba che non vo' restare…"

 

" Ci penso io…ciò qui, dentro ar retino,

un'acciughina vispa bell'e pronta,

che porterà la bimba in mezzo ar mare

e insieme noteranno sopra 'n onda…

 

Vedranno tutte l'isole spuntate

dar mare…come bolle di sapone,

e le scogliere sempre sbatacchiate

dall'onde con in cima ir cavallone...

 

Sonnino, Calafuria e Sassoscritto

e dopo ancora giù fino ar Boccale

pe' poi riprende' il largo dritto dritto

che tanto a' pesci, un li fa certo male!

 

E ancora giù, prima che il sol scompaia…

Tra ir Faro, la Meloria e la Vegliaia…"

 

" Bella topina…allora…t'è piaciuto? "

" Ma sì, mamma…però…penso agli amici…"

" E'h no…bellina…! Se voi che t'aiuto…

vieni con me, ti porto in giro in bici…"

 

Prima ar mercato!!!

Pronta pe' vede' la gente di Livorno genuina?

" Venite bimbe! Chiocciole comprate…! "

Senti che chiasso!… Ti piace la vecchina?

 

Là ci so' i ceci, acciughe e 'r baccalà…

pesci di tutti i tipi, freschi, annaffiati…

e in mezzo a tutta vesta 'onfusione…

ci stanno ir Barre e la torrefazione!

 

" Un cappuccino a vetro pe' la bimba! "

" Subito bella…nulla ci 'nzuppate?

E come fa a sta' ritta? Dammi retta…

perché un ci pigli subito un ber frate? "

 

" Sto meglio, mamma…mi piace il paese…"

E' una città…ma ci si stà benone!

Un cià tante pretese…è un paesone…

 

Chi l'ha fondata? A di' la verità…

c'erano tanti ladri e malandrini…

Ma anco a que' tempi…era la società…

la corpa…è la mancanza di vaini…!

 

Comunque, deh!… erano tutti belli!

Quelli che qui venivano da fori…

omini alti, forti e 'n po' fringuelli…

guardate un po' laggiù que' quattro Mori!

 

Per questo il livornese è un fritto misto,

ma ti fa batte 'r core in mezzo ar petto

se, senza manco che tu l'abbia visto

ti dice…

" Perché n' andiamo ar molo a fa 'n giretto?…"

 

Stà attenta bimba!

Quando verrai da sola in piazza Grande,

o a fa le vasche con l'amiche tue

e troverai un morino un po' più grande,

…da sola un sarai più…sarete 'n due!

 

E quando poi la vita ti farà penare

e sarai triste, stanca e addolorata,

dà retta a mamma… e torna a guardà 'r mare,

lui spazza tutto co' 'na libecciata!

 

Ti fa sentì più forte e più sicura,

preparerai da sola la riscossa,

affronterai il dolore e la paura

e quando ti dirranno: " O bella rossa…

 

ma..da dove vieni…da quale paese? "

Senza vergogna e senza più tremare…

dirrai contenta: " Io vengo da quer mare…

son forte anco per te…so' LIVORNESE!!! "